MOLLY BROWN
Image default
Straordinari

SUMMER OF LOVE Janis Joplin


janis joplinE poi sabato 17 giugno arriva lei. Alle sue spalle, quei capelloni dei Big Brother & The Holding Company, il suo primo gruppo, di fronte duecentomila persone che sognavano di cambiare il mondo. Janis, la cattiva ragazza texana, la bad girl drogata, bisex, trasgressiva e fuori dagli schemi sale sul palco in un completino di maglina color crema: una casacca pudica, un paio di pantaloni, le scarpine di strass, a punta come quelle di Aladino.

Ha i capelli stranamente in ordine e solo due collane, poco trucco, è l’immagine rassicurante di una gioventù che cresce senza strappi e inutili provocazioni. Una delusione. Poi prende il microfono e comincia a cantare Ball&Chain, la voce morbida, suadente, pulita, si direbbe che non abbia mai neanche fumato una sigaretta…

Poche strofe e quella ragazzina cicciottella vestita come una signora urla Why does every single thing I hold goes wrong? E la sua voce si fa improvvisamente disperata, sa di dolore, infelicità, disperazione ma non commuove, graffia e brucia. Come il napalm che ha preso a bruciare le campagne del Vietnam, come la voglia di essere liberi, come la fame di vita che la musica ha intercettato prima di tutti.

Morirà tre anni dopo quell’esibizione indimenticabile, a soli 27 anni.

Inaffondabile perché: le sue ‘urla’ continueranno a raccontare i sogni e le ferite di tutte le generazioni a venire.

Anna Di Cagno

Related posts

Murakami Haruki Lo Stregatto dietro di lui

Silvia Andreoli

ENZO FERRARI Una vita scritta con l’inchiostro viola

Marina Moioli

JULIO IGLESIAS frammenti di un discorso maschile

Anna di Cagno

Lascia un Commento