Pochi mesi di distanza possono cambiare la percezione della persona amata. E per quanto la sua bellezza riesca sempre a catturarci, un senso di perdita e rimpianto si accompagna alla felicità di ritrovarla.
Con l’Inaffondabile Haruki Murakami e il suo “Norwegian wood” entriamo nelle pieghe nascoste dell’amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *