CAMILLE CLAUDEL Le parole che non ci ha detto

Camille Claudel, sorella del già noto poeta Paul Claudel, nasce a Fère-en-Tardenois l’8 dicembre del 1864. A 19 anni incontra lo scultore Auguste Rodin, più anziano di lei di quasi un quarto di secolo, e ne diventa allieva e amante, a sua volta amatissima, pur se Rodin non lascerà mai la moglie.
Una vita, la sua, tra picchi altissimi di creatività – si dice che Rodin ne copierà persino lo stile – e vuoti incolmabili in quella relazione turbolenta fatta di fusione e separazioni, di corde tese fino all’impossibile. Tanto che i nervi cederanno.
Muore  nel manicomio di Monfavet il 19 ottobre del 1943.

Elena Mearini, scrittrice e poetessa, si è avventurata nelle pieghe della sua anima, le ha dato voce
e ce la racconta così:

 

La terra sopra le mani è uno sporco buono e innocuo, persino quella che s’infila sotto alle unghie m’intenerisce, come fosse una bestiola in cerca della tana.
Ho fatto l’amore con la sua parte docile, l’argilla, con lei ero io a guidare i movimenti, io a decidere la forza e il verso delle carezze, lei si abbandonava alla mia volontà come una fanciulla all’amante oppure al veleno.
Perché tra le mie mani si sentiva nascere e al contempo morire, succede sempre così quando c’è di mezzo l’amore. L’ho capito nel letto di Auguste, con il suo corpo che premeva sopra il mio a deciderne le forme.
Tra noi, io ero l’argilla e lui la mano che mi plasmava.
Gli ho affidato le mie demolizioni, mi sono data per cedimenti e scarti, convinta che mi avrebbe ricomposta intera. Non è andata così, e me ne prendo la colpa.
Io posso sopravvivere soltanto in mancanza di me.
I dottori mi tengono chiusa in una stanza da cinque anni.
Prima nel manicomio di Ville-Evrard, poi in quello di Montdevergues.
Sono cambiati gli spazi fuori ma non quelli dentro, io vivo sempre nello stesso vuoto bianco.
Almeno qui c’è posto per ospitare le mie creature, nel caso volessero farmi visita.

                                    L’abandon

                                                                                                  

                      La Valse

                                                                                                  

                                        La Jeune Fille à la gerbe 

                                                                                                 

E gli altri. Ci stanno tutti nella mia stanza, qui il vuoto non si riempie mai.

 

2 Replies to “CAMILLE CLAUDEL Le parole che non ci ha detto”

  1. Bellissima questa versione poetica di una biografia tormentata. Grazie per il bel brano di letteratura!

    1. È una nuova rubrica, Voce d’autore, felici che ti sia piaciuta. E grazie a Elena Mearini per esserne stata la madrina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *